Perché fare lo sbiancamento dei denti:

L’estetica del sorriso riveste un ruolo importante nelle relazioni sociali.

Un sorriso esteticamente piacevole influenza l’espressione del viso e per questo le esigenze estetiche hanno favorito lo sviluppo di varie metodiche per lo sbiancamento dei denti.

Diverse modalità di sbiancamento dei denti:

Si può distinguere tra:

Sbiancamento domiciliare:

Si utilizza un gel a base di perossido di carbamide al 10% al 15%.

Questo gel si posiziona all’interno di mascherine costruite sui modelli in gesso della bocca del paziente.

Le mascherine vanno portate la notte per una durata variabile in base al risultato che si desidera ottenere.

Sbiancamento professionale:

Viene effettuato dall’odontoiatra o dall’igienista dentale.

All’odontoiatra spetta la prima visita, la diagnosi del caso, la valutazione di eventuali controindicazioni e la scelta del trattamento ideale.

L’igienista condivide con l’odontoiatra la scelta opportuna e passa alla preparazione del paziente con sedute personalizzate di igiene.

Lo sbiancamento professionale si effettua con una % maggiore di perossido di idrogeno superiore rispetto allo sbiancamento domiciliare.

Per questo è sufficiente una sola seduta per ottenere un risultato estetico gradevole.

Ci sono controindicazioni allo sbiancamento?

Prima di procedere al trattamento il dentista si accerterà della perfetta salute del cavo orale del paziente.

In caso di carie, sensibilità dei denti o altre patologie, il trattamento dovrà essere posticipato agli interventi.

Lo sbiancamento dei denti è doloroso?

No, non è doloroso ma rende il dente più sensibile.

La sensazione di sensibilità scompare entro 72 ore dopo il trattamento.

Occorre prestare particolare attenzione all’igiene e seguire una dieta bianca per non vanificare gli effetti dello sbiancamento.

Ci sono cibi che macchiano i denti?

Per preservare la luminosità del sorriso, meglio limitare il consumo di alimenti scuri, che possono lasciare il colore sui denti.

Ad esempio vino rosso, tè, caffè, bevande gassate colorate, pomodoro, curry o lampone.